CIRIACA ERRE  
 
CIRIACA+ERRE   +   PERFORMANCE   +   VIDEO   +   INSTALLAZIONI   +   FOTO   +   DIPINTI   +   NEWS  
     
   
+ INSTALLAZIONI
ELENCO OPERE
suspended balance 2015
suspended light 2015
to do list ’10
please don’t move ’10
can i have another question? istallaz. ’08’-11’
do you think t(h)ank? ’10
In the name of DoG ’10
breath ’10
il giorno e la notte hanno lo specchio giusto, l’uomo no ’06
please don’t use me 2004
let me stay here 2005
vanity: how many steps to become nothing ’05
 
x
 
please don’t use me 2004
Lugano
milano
-PLEASE don’t USE ME-
E’ un intervento di arte contemporanea che entra nella vita quotidiana della città, che ha come "s-oggetto" un elemento urbano.
Si pone come obbiettivo la difesa dell’infanzia e dei nostri sentimenti piu’ puri. La sua forza stà nella semlicità e consiste nel rivestire i cestini con i primi piani dei visi di bambini addormentati con la scritta: -please don’t use me-
Con quest’opera rifletto su quanto la nostra società, la famiglia, le conoscenze, il contesto sociale, i mass media, confondano l’educare (da educere ossia tirare fuori) con il sedurre (condurre a se). Forse questo è la manipolazione, il plagio piu’ grande della nostra società: inquinare la mente di un bambino.
Il nostro mondo è oberrato di risposte senza che nessuno di noi abbia posto un’autentica domanda.
Si continua a condurre verso le nostre verità, appartenenti al nostro passato, le generazioni che appartengono al futuro.
I bambini sono piu’ vicini di noi alla verità, e noi gli inculchiamo religioni, paure, politiche, idee di felicità, di amore, di successo, di abbigliamento, di tempo, false verità, in quanto prese a prestito, le uniche verità sono quelle sperimentate in prima persona.
I figli non ci appartengono sono la sete che la vita ha di se stessa, e noi continuiamo a dargli delle risposte ma loro hanno bisogno di imparare a porsi delle domande.
Il dubbio è un processo di pulizia e libera la mente da ogni immondizia.
Qui il simbolo del cestino si rivela disarmante nella sua dimensione/funzione, tanto piccola quanto importante, di sensibilizzazione alla civiltà, al progresso al rispetto e alla pulizia nel senso piu’ vasto del termine.
Perche l’arte contemporanea puo’ comunicare anche senza scandalizzare.




x
x x x
© ciriacaerre.com  
home  +  privacy ita  +  eng